Archivi tag: web

Boom dei servizi mobile


In modo piuttosto repentino stiamo assistenzo alla nascita di un modello di business vincente: i servizi di internet mobile.
Secondo le stime i servizi di mobile coinvolgeranno il 30 per cento di tutti gli utenti entro cinque anni, vale a dire una folla di 1,3 miliardi di persone, e genereranno 4,8 miliardi di dollari in termini di profitti.
Per i vendor si tratta di una significativa opportunità di business, ma ci sarà da lavorare su l’adverting online.
Infatti se da una parte l’utente mobile è disposto a concedere un po’ della propria privacy (sempre che le poiltiche di privacy siano ben chiare!) in nome di informazioni molto apprezzate, dall’altra parte occorre vigilare sul pericolo di sovraccarico degli spot, che inibirebbe chiaramente la qualità dei servizi.

L’invasione del mobile riguarda numerosi settori, quindi si parla di mobile finance, mobile payment, mobile marketing & service, mobile content e mobile & wireless business.

Soprattutto l’indipendenza che l’utente otterrà nell’utilizzare questi servizi dovrà essere contropesata da applicazioni e strumenti semplici ed intuitivi.

Attualmente soprattutto nel mercato italiano le tecnologie mobile non stanno avendo non stanno avendo un utilizzo realmente efficace, perchè non sono stati pensati e sviluppati secondo un approccio strategico, che coinvolta sia la dimensione multicanale dei consumatori, sia la dimensione relazionale.
Il consumatore ama essere coccolato: i servizi mobile banking lo allontaneranno dallo sportello di filiale, ma allora come potrà verificare il suo estratto conto o come potrà eseguire versamenti dal pc di casa?

 Sarà “una cosa sicura”?

Ecco perchè la pubblicità e l’informazione sono alla base del mobile: far conoscere e far comprendere le potenzialità di questa nuova evoluzione, che sembra essere più travolgente dell’innovazione tecnologica dei software de dell’hardware.

 Image and video hosting by TinyPic

 

SIGLA Ultimate è una delle pochissime soluzioni gestionali che si è avvicinata a questo “strano” mondo del mobile, grazie ai servizi e tecnologie di due importanti partner come Citrix e 3.
Le partnership hanno permesso di creare un’offerta di prodotti e servizi a 360° garantendo agli utenti SIGLA efficaci performance del software e sicurrezza nell’utilizzo dello stesso mediante l’accesso via web.

Se vuoi provare la nuova tecnologia e conoscere i dettagli puoi visitare il nostro sito: http://www.pluribus.it/.

Lascia un commento

Archiviato in informazione, innovation technology, privacy, SIGLA Ultimate, web

Riforma scolastica: oggi impariamo….Internet!


Image and video hosting by TinyPic

Fra le tante riforme scolastiche di cui sentiamo parlare oggi ci colpisce la notizia che anche in Gran Bretagna i bimbi delle scuole elementari dovranno adeguarsi a qualche cambiamento.

Il nuovo programma di studi afferma che i bambini devono uscire dalle elementari in possesso di una familiarità con un computer e navigare su Internet, sapere cosa sono un blog e un podcast, conoscere Facebook, Twitter e Wikipedia.

La storia non scomparirà come disciplina (anche se noiosa ma rimane!), sicuramente ai bambini paicerà di più imparareprogrammi automatici di correzione di errori di “spelling” che esistono online. L’obiettivo è che la fluidità nell’uso scritto e parlato della lingua inglese deve avanzare di pari passo con quella dell’uso del web.

Ecco cadere a pioggia battente le critiche sul progetto di sir Jim Rose. L’opinione pubblica si suddivide per tipologia di pensiero: da un lato i sindacati degli insegnanti che non sono stati consultati a sufficienza, dall’altro i tradizionalisti che sottolineano l’importanza di imparare a scrivere e leggere in modo tradizionale, lasciando invarito il curriculum delle materie scolastiche.

Comunque notiamo bene che è stato posto l’accento sull’importanza del rapporto tra scuola e tecnologia: esigenze moderne che rispecchiano l’andamento di una società “digitale”. Non ci resta che attendere l’approvazione della riforma, per poi esprimere ancora un’opinione.

Lascia un commento

Archiviato in google, web

Buoncompleannno Web!


Proprio in questa data di ben 20 anni fa, 1989 l’inglese Sir Berners-Lee mostrò al suo supervisore al CERN Mike Sendall, a Ginevra, un sistema di ipertesti, in cui le  singole parole potevano essere utilizzate per creare legami con altri testi in altri computer. Queste sono le radici del I primi test del WWW risalgono alla primavera 1991.

La ‘rivoluzione’ del Web comincia, pero’, solo nel 1993, quando viene creato ‘Mosaic’, il primo Browser, il programma per ‘sfogliare’ le pagine web.con Mosaic, il primo browser. Il primo report di Netcraft nel settembre 2000 censiva appena 20 milioni di siti. Nel novembre 2006 è stata oltrepassata la boa dei cento milioni di siti Web su Internet (Internet invece nacque da Arpanet, nel 1969).  Oggi siamo a quota 215 milioni (esclusi i blog). L’avventura era partita con 130 siti nel ’93.
 
Image and video hosting by TinyPic
 
Se l’obiettivo dei siti era di fornire un servizio di scambio informazioni fra ricercatori, oggi il focus è letteralmente modificato: qualsiai persona può viaggiare in rete alla ricerca di informazioni, dalla casalinga al professionista, dal giovane all’anziano.

In poche parole un modo nuovo di vivere il quotidiano!
Si tratta però di una ragnatela perenne che ci sta avvolgendo fino a cancellare le nostre identità. Infatti la nostra stessa vita, le abitudini, i costumi, le scelte quotidiani vengono controllate, supervisionate. Per noi non esiste più privacy nè sicurezza.

Stiamo ben attenti a come ci muovaimo.

Lascia un commento

Archiviato in web, web 2.0

Chrome: è ufficiale


 Image and video hosting by TinyPic

Google ha annunciato l’uscita dalla versione beta di Chrome, il suo browser open source:
10 milioni di utenti in tutto il mondo è un numero ALTO???

Lo scetticismo dagli osservatori è comunque impressionante: il prodotto presenta ancora troppi bug per potersi definire a pieno titolo una “versione 1.0”. Senza contare che di Chrome è al momento disponibile la sola versione per Windows, mentre quelle per Mac e Linux sono ancora in fase di sviluppo.

Al ridosso del rilascio della prima beta, l’entusiasmo per Chrome era alle stelle, però sono saltati fuori i primi bug…e ancor peggio le clausole sulla licenza d’uso……… UNO SCONCERTO TOTALE.

E non dimentichiamo la voce dei diretti concorrenti: l’eterna rivalità con Microsoft

Sicuramente il lancio di Chrome ha calamitato tutta l’attenzione del Web.
ed è questo il business di Google: sicuramente Chrome sarà ottimizzato. Aspettiamo e vedremo!

Lascia un commento

Archiviato in ecommerce, google, google world, Microsoft Vista