Archivi tag: online

Telefonino e Internet


Navigare” ovunque e sempre è la parola d’ordine del nuovo millennio.

Image and video hosting by TinyPic

La possibilità di connettersi alla rete internet con un telefono cellulare non è sogno, è realtà che sta coinvolgendo sempre più persone, dai privati alle aziende. Le indagini parlano di quasi 11 milioni di soggetti che navigano on line con il dispositivo mobile.
La rivoluzione è legata alle applicazioni sviluppate per i vari dispositivi come i vari modelli e brand di cellulari e sucessivamente per smartphone.

L’annuncio di Telecom Italia dell’ampliamento della banda larga rappresenta un ulteriore aspetto di questa evoluzione ed i piani di sviluppo dei servizi internet forniti dall’azienda telefonica potranno rispondere a varie esigenze.
L’obiettivo primario è dare un buon servizio alle aziende e successivamente al consumer. 

Le PMI potranno inziare a fare pubblicità on line, ma non devono dimenticare che il cellulare è un “COSA PERSONALE”, quindi l’azienda non deve essere l’intrusa nella vita delle persone.

Le tendenze del mercato denotano un rallentamento sui servizi rivolti al “fisso”, mentre in controtendenza con l’aumento registrato per il mobile, infatti l’esplosione di schede e chiavette per il collegamento alla banda larga mobile è il fenomeno più evidente degli ultimi anni.
Le cifre registrate dalle indagine di mercato mettono il nostro paese al quinto posto sia per la domanda che per  l’offerta diservizi internet, e quest’ultima sta assistendo anche all’ingresso di competitor stranieri, capaci di proposte commerciali molto aggressive.

Image and video hosting by TinyPic

Quindi gli operatori italiani delle telecomunicazioni devo ancora studiare meglio il mercato e agire di conseguenza se desiderano scalare la vetta.

Lascia un commento

Archiviato in ecommerce, Economia, informazione, innovation technology, iphone, pubblicità

Office 2010…che novità!


Image and video hosting by TinyPic

Microsoft Office 2010 è stato annunciato via web con un’euforico entusiamo: la novità è

“on line”

Innegabili le novità per lavorare in modo più agevole e rapido.

E poi la possibilità di avere alcuni applicativi fruibili online (Web Apps) e quindi di salvare i propri documenti “nella nuvola” del web piuttosto che su un pc fisico.
In tal modo altri utenti, anche contemporaneamente e con interfacce diverse,  ad esempio uno smartphone, potranno visualizzarli ed eventualmente lavorarci.

Office Web Apps permette di accedere ovunque ai documenti personali e di lavoro.

E non dimentichiamo la nuova veste di Outlook, ribattezzato Outlook Social Connector, che rende possibile la condivisione via Windows Live, Skydrive e, qui è la novità, anche a Linkedin, Myspace e Facebook. Un vero portale per la comunicazione in stile social network, che funziona piuttosto bene perché assicura l’aggregamento dei contatti, siano essi inerenti alla rubrica o community. Ancora i messaggi ora sono organizzati sotto forma di chat, mentre (finalmente) il client e-mail è molto meno massiccio rispetto al passato, per essere funzionante persino sui netbook.

La suite Office è stata adeguata anche al mondo del web 2.0 e dei software come servizio fruibile online in stile con applicazioni “Web Apps”, disponibili tramite Windows Live, che non richiedono installazione di software aggiuntivo e possono essere utilizzate anche in un Pc in cui non è installato Microsoft Office.

Il timore è che molti potranno considerare la versione 2010 un semplice aggiornamento,
ma la casa di Redmond vuole smentire tutti e sfidare Google Docs, così definito “rinfrescante rispetto ai costosi e laboriosi upgrade cui sono stati abituati i tecnici IT”.

Si nota subito che il pacchetto è nuovo, fermo restando le linee base, ma il bello del nuovo Office è la sua doppia natura online e offline.
La nuova release per adesso è disponibile per le aziende e da giugno sarò disponibile anche per il grande pubblico.

Attendiamo un po’ di tempo per i commenti veri…………….quelli del pubblico “spietato”.

Lascia un commento

Archiviato in google, innovation technology, microsoft, Office 2010, social network, web 2.0

Pubblicità online


 Image and video hosting by TinyPicInternet, pur registrando una piccola flessione, rappresenta lo stendardo della pubblicità.
Infatti l’online sta acquistando sempre più peso rispetto ai tradizionali media, come stampa e tv.
La crisi economica non tralascia neppure l’advertising su internet: le aziende dovranno rivedere i propri investimenti in pubblicità mese per mese. Ma la rete è un mezzo pubblicitario che costa meno e registra un elevato rendimento (veicolare un contenuto sul web significa moltriplicare per dieci la sua diffusione).
Gli Stati Uniti rappresentano il paese pioniere che ha intrapreso questa strada, dove non esiste il confine fra pubblicità e informazione. E naturalmente gli investimenti del presidente Obama nella banda larga ne sono un trampolino agevolato.
E l’Italia?
Noi Italiani eravamo abituati al carosello, che ” teneva svegli i bimbi fino a tardi”. E’ questo che siamo abituati a sentirci raccontare dai nostri genitori e nonni. Forse è proprio questo tradizionalismo che ci lacia in un angolo di perplessità e titubanza. Qualcuno addita alcune ragioni ad ostacolo, come l’età ultra quarantenne della nostra classe manageriale e il limite delle infrastrutture alla banda larga.

La Nielsen Online (nota società di analisi) ha reso noto numeri e percentuali esaminando il periodo novembre 2007-novembre 2008 ha registrato un calo del 4,2%, ed è difficile una stima per il 2009,ma il settore annovera un tasso di crescita annuale del 13,9%.

Lo scenario è positivo, gli analisti sono fiduciosi e gli inserzionisti Upa sono attratti dal web advertising, come leva indispensablie e irrinunciabile per affrontare il nuovo marketing.

Lascia un commento

Archiviato in pubblicità, social network

Microsoft nella nuvola ….


L’ultima frontiera della Microsoft sembra orientarsi verso il CLOUD COMPUTING.
Dopo l’annuncio al Developers Forum, anche il capo della divisione Business in Microsoft, ha dichiarato che è pronta l’offerta dei propri software online.
L’acronimo è Bpos, Business Productivity Online Services, una suite on line che comprende:
 Exchange 2007 Online, Sharepoint Online, Office Live Meeting, Office Communications Online, Exchange Hosted Services.
Qui la demo in inglese dal sito Microsoft    http://www.microsoft.com/online/demo/v2/demo.aspx
Ma non è finita qui…..
Nell’ultima PDC di Ottobre a Los Angeles , Ray Ozzie, MS C.S.A.,  ha annunciato  Windows Azure e Azure Service Platform.
• Windows Azure: è il kernel di una nuova piattoforma Microsoft, che implementa un sistema operativo “on the cloud”. Windows Azure offre servizi per lo sviluppo, per l’hosting e la gestione delle applicazioni che vi gireranno. Il kernel, quindi, di un sistema operativo pensato per il “cloud”, pensato per operare e scalare su Internet.
• Windows Azure offre le funzionalità di basso-livello di questo sistema operativo, come hosting, sicurezza, storage, elaborazione che sfrutta in modo nativo tecniche e hardware per la virtualizzazione ed infine un sistema di networking.
• Un aspetto importante per gli sviluppatori .NET è che gli skill per sviluppare per Windows Azure, sono gli stessi che oggi usiamo per sviluppare in C#, Visual Basic.NET e C++. Una demo interessante fatta da Steve Marks ha mostato un SDK per Visual Studio, che consente di realizare un’applicazione che poi possa essere gestita e usata dai nuovi servizi on the cloud. Ai partecipanti alla PDC è stato consegnato del software in anteprima per provare Windows Azure e Azure Live Service.
• Azure Live Service è una piattaforma che si appoggia su Windows Azure e che ne sfrutta i servizi di basso livello offrendone di nuovi e di più alto livello.
• Tra i servizi che useranno Windows Azure:
o Microsoft SQL Services: pensiamo alle funzionalità classiche di SQL Sever ma esposte “in the cloud”: Storage, Reporting, etc
o Microsoft .NET Service: i classici serzi del framework ma su internet: controllo degli acessi, WorkFlow etc.
o Live Service
o Microsoft SharePoint Services eMicrosoft Dynamics CRM Services
• Azure è una piattatforma aperta: si può interagire da piattaforme diverse usando approcci e protocolli comuni a tutta la comunità degli sviluppatori: REST, WS-* e AtomPub.

Image and video hosting by TinyPic

Fonte : http://blogs.msdn.com/italy/archive/2008/10/27/pdc-windows-azure.aspx
Link:
http://www.microsoft.com/azure/default.mspx
http://www.microsoft.com/presspass/press/2008/oct08/10-27PDCDay1PR.mspx

Voi cosa ne pensate ? Sarà il business del futuro ?
Sicuramente quando Microsoft si muove non lo fa per caso……

Lascia un commento

Archiviato in google, microsoft