Archivi tag: azienda

Crisi e disoccupazione giovanile eppure…..


L’allarme generale (ormai cronico) di crisi economica al quale viene collegato il problema della disoccupazione
e soprattutto quella di tipo giovanile, è poco rassicurante.

La disoccupazione giovanile non è mai stata così elevata da oltre dieci anni.

In Italia soprattutto i giovani non possono, per lo meno per il momento aspirare al posto “SICURO” a vita.

L’unica speranza è il precariato a VITA. Si sussegue un’ampia gamma di forme di lavoro precario, in particolare il lavoro part-time, il lavoro a tempo determinato, il lavoro temporaneo tramite agenzia, il lavoro a zero ore, il lavoro su chiamata e forme non subordinate di lavoro che comportano una certa forma di dipendenza economica.

Eppure c’è anche una controtendenza: l’intuizione di Instant per Youtube (preceduta da Google) ha permesso ad un giovane studente di ricevere la sua prima interessante proposta di lavoro in tempo reale.

Quindi forza e coraggio, soprattutto voi giovani talentuosi del software, che amate esprimere la vostra creatività e desiderate farvi conoscere…..prima o poi il lavoro arriva (speriamo per lo meno un colloquio!).

Lascia un commento

Archiviato in Crisi economica, Disoccupazione, Economia, google, informazione, innovation technology, it, nuovi media, preparare l'impresa, Software gestionali, youtube (video è bello)

SIGLA va in Cina!


Ebbene Si…Sigla arriva perfino in Oriente!

Image and video hosting by TinyPic

Il nostro software gestionale è stato tradotto in lingua inglese,
e grazie all’esperienza di un rivenditore torinese, è stato venduto
ad un’azienda italiana con sede in Cina.

Allora è vero il detto che “i nostri software si modellano alle esigenze
dei nostri Clienti”
….Vi sfidiamo a dimostrare il contrario.

Lascia un commento

Archiviato in sigla, Software gestionali

Forum pluribus/cosa bolle in pentola


                  Image and video hosting by TinyPic

Fervono i preparativi per il Forum Pluribus 2008. Idee che montano come la panna. Effervescenza che si confonde con la primavera e il tram tram della grande macchina organizzativa che gravita intorno a uno degli eventi più attesi dell’anno. Chi camminerà sul red carpet questa volta? Tra la ricerca della location, la selezione degli invitati, i partner, chi c’è chi non c’è, il tempo stringe. Manca davvero poco.


In più, l’incontro si apre quest’anno con un interrogativo complicato. Si parlerà di come vola l’economia italiana, e quando dico “vola” intendo proprio voce del verbo volare. Tipo un calabrone, più o meno.
Come affermano F. Galimberti, L. Paolazzi, ne “Il volo del calabrone. Breve storia dell’economia italiana nel Novecento” (Firenze, Le Monnier, 1998). Un libro di qualche anno fa che analizza l’economia italiana paragonandola ad un calabrone, insetto che per i fisici e gli entomologi non avrebbe dovuto volare perché troppo pesante in rapporto alla superficie delle sue ali.

Per ora aggrottate le sopracciglia, in cerca di una soluzione.
Il resto lo scoprirete a Viareggio,  l’11 aprile presso il Centro Congressi Principe di Piemonte. Non Mancate.
 

Lascia un commento

Archiviato in Eventi, pluribus, preparare l'impresa, sigla, Software gestionali

Nuove forme di comunicazione


         Image and video hosting by TinyPic
Avere a che fare con il mondo della pubblicità/marketing è lotta quotidiana. Ci si sveglia sperando di accaparrarsi grosse fette di torta dal magico forno del mondo aziendale. Si vive tra tentativi di approccio, analisi di mercato, punti di vista, genialate, banalità.

Il guaio è che mentre noi pensiamo, viviamo la diatriba tradizione vs innovazione, il mondo intorno a noi si evolve a ritmi allucinanti. Il risultato è che il grosso plumcake si sbriciola sul  tavolo, e noi lì con l’aspiratutto a cercare di raccogliere pezzetti. L’offerta è pluriparcellizzata, i competitors aggressivi. In più il mondo internet fa il bello e il cattivo tempo, spia e lascia spiare.

La morale è che ci si scopiazziamo tutti a vicenda. E non è bello.
                          Image and video hosting by TinyPic

In principio era “content is the king“. Ma lo è ancora? C’è chi dice no, e non è Vasco Rossi.

Io credo fermamente nel binomio poche cose dette bene. Il buon comunicatore è un artigiano di parole, le sceglie oculatamente, poi le dà in pasto all’audience. Il segreto è concentrare tutto in un concetto. Una piccola idea dai grandissimi potenziali. Forse è più giusto dire “concept is the king”. E allora, bisogna avere fantasia. Spremersi le meningi.

Visto che i budget non sono tutte le volte principeschi, ecco qui 7 idee marketing low cost. E un altro intervento veramente utile per braccine forzatamente corte.

Che già riuscire a pianificare e comunicare con successo piccole realtà è un grande obiettivo per tutti noi. Nel caso Sigla++, far percepire la sicurezza della scelta, e il valore aggiunto della vostra personalità preparata, è gran cosa. In auge ultimamente è l’attività di pay per click . Il pay per click consente di ottimizzare al massimo gli investimenti. Se l’utente clicca sul tuo sito, paghi, altrimenti rimani lì, pronto all’uso. Ciò consente di avere ampia visibilità, e una buona possibilità di nuove entrate.
Sigla ha abbracciato questa strategia di supporto, e devo dire che sta dando buone soddisfazioni. Col pay per click si atterra direttamente in questa landing page Pluribus


Per finire, siccome mi piace strizzare l’occhio alla contemporaneità, esempi eclatanti di marketing alternativo.
            
Tanto per gradire.
Image and video hosting by TinyPic
Cartellone di un’agenzia di pompe funebri, metro di Londra.

E questo famosissimo video coca+mentos, che ha fatto il giro del mondo. Un’idea 0 cost dal risultato esplosivo, che in termini di fatturato e visibilità non può che aver giovato alle due già ultraleader companies

1 Commento

Archiviato in ecommerce, pay per click, preparare l'impresa, sigla, web 2.0