Archivi del mese: gennaio 2013

Supporto tecnico SIGLA: SIGLA on the cloud


Dalla data odierna è disponibile SIGLA Start Edition in versione per il Cloud Computing. Questa nuova versione di SIGLA, basata sulla release 4.15.0, si affianca a SIGLA Ultimate, precedentemente rilasciato, per completare la ns. offerta per le piattaforme di Cloud.

Queste versioni di SIGLA utilizzano un nuovo sistema di gestione della licenza. Il nuovo modello, che utilizza la logica delle licenze concorrenti, prevede che l’autorizzazione all’esecuzione di SIGLA o del programma di Configurazione sia ottenuta attraverso il colloquio con un apposito web server di Delta Phi SIGLA srl.
Il colloquio tra gli applicativi e il server delle licenze avviene tramite appositi web services ed è pertanto necessario che l’application server disponga di una connessione internet attiva.

Queste versioni di SIGLA sono funzionalmente analoghe a quelle standard ad eccezione della funzione di invio fax (l’invio dei fax non è, infatti, certificato in questo ambiente operativo).

Il nostro sito internet è in corso di aggiornamento per consentire il download del prodotto, che sarà possibile dal seguente URL: http://www.deltaphi.it/go?aggiornamenti.

Per eventuali chiarimenti contattare direttamente il servizio di supporto tecnico.

a.innocenti@deltaphi.it

Lascia un commento

Archiviato in Economia

Supporto tecnico SIGLA: Rilascio release 4.15.0 e 3.32.0.


Dalla data odierna sono disponibili le versioni 4.15.0 di SIGLA Ultimate/Start Edition e 3.32.0 di SIGLA/START v3.

Il file rel4150.zip contiene il file rel4150.txt con l’elenco delle implementazioni realizzate e la versione aggiornata del file IVAPerCassa2012.pdf con i dettagli operativi della gestione dell’IVA per cassa (art. 32-bis DL 83/2012).

* Principali novità applicative
– inserimento di automatismi per la gestione dell’IVA per cassa ed in particolare possibilità di utilizzare tipi pagamento che prevedono l’emissione di effetti attivi (RiBa).

Ricordiamo, infine, che a partire da questa versione è disponibile il codice del registro IVA tra i campi configurabili in stampa dei documenti (sia di tipo testo che grafico).

Il nostro sito internet è in corso di aggiornamento per consentire il download del prodotto, che sarà possibile dal seguente URL:
http://www.deltaphi.it/go?aggiornamenti.

a.innocenti@deltaphi.it

Lascia un commento

Archiviato in iva per cassa

Supporto tecnico SIGLA: numerazione delle fatture


La Risoluzione n.1/E l’Agenzia delle Entrate chiarisce alcune interpretazioni dell’articolo 21 del DPR 633/72, come modificato dall’articolo 1, comma 325 lettera d), della Legge 228/12.

La modifica normativa in questione, si legge nella risoluzione, si è resa necessaria per recepire la nuova disciplina comunitaria in materia di fatturazione (cfr. direttiva 2006/112/CE del Consiglio del 28 novembre 2006, come modificata dalla direttiva 2010/45/UE del 13 luglio 2010). L’imposizione di azzerare all’inizio di ogni anno solare la numerazione delle fatture, costituiva, infatti, un adempimento non richiesto dall’articolo 226 della citata direttiva. Per questo motivo è stato necessario eliminare il requisito della numerazione progressiva delle fatture “per anno solare”.

La Risoluzione n.1/E precisa che “è compatibile con l’identificazione univoca prevista dalla formulazione attuale della norma qualsiasi tipologia di numerazione progressiva che garantisca l’identificazione univoca della fattura, se del caso, anche mediante riferimento alla data della fattura stessa”.

Ciò premesso, ricordiamo nuovamente che la progressività e l’univocità del numero attribuito alle fatture possono essere ottenute in due modalità alternative.

1. Numerazione progressiva senza azzeramento all’inizio di ciascun anno solare

Dal 1° gennaio 2013 può pertanto essere adottata “una numerazione che, partendo dal numero 1, prosegua ininterrottamente per tutti gli anni solari di attività del contribuente”.
E’ anche ammesso che la numerazione progressiva inizi dal numero successivo a quello dell’ultima fattura emessa nell’anno 2012.
In questo caso è sufficiente impostare, nella tabella dei numeratori, il valore del numeratore delle fatture per l’anno 2013 in base al, valore dell’ultima fattura emessa nel 2012. Ad esempio nel caso in cui l’ultima fattura emessa nel 2012 sia la n. 345 sarà necessario che il numeratore sia impostato al valore 346.

2. Numerazione progressiva con azzeramento all’inizio di ciascun anno solare

Si legge ancora nella risoluzione che, “qualora risulti più agevole, il contribuente può continuare ad adottare il sistema di numerazione progressiva per anno solare, in quanto l’identificazione univoca della fattura è, anche in tal caso, comunque garantita dalla contestuale presenza nel documento della data che, in base alla lettera a) del citato articolo 21, costituisce un elemento obbligatorio della fattura”.

In questo caso la modalità operativa di numerazione delle fatture è sostanzialmente analoga a quella adottata in vigenza dell’articolo 21 del DPR 633/72 ante modifiche.

La risoluzione citata comunque non fornisce alcuna indicazione circa la possibilità di utilizzare serie diverse di numerazioni per le fatture, le note di credito e le note di debito.
La soluzione che certamente si conforma perfettamente alla nuova normativa è quella di adottare il medesimo numeratore per tutti e tre i tipi di documento.
In questo caso è sufficiente impostare, nella tabella dei registri IVA, lo stesso codice numeratore per le fatture, le note di credito e di debito.
Per quanto riguarda l’utilizzo di più sezionali IVA la risoluzione non fornisce indicazioni o esempi pratici. Riteniamo pertanto che si possano adottare le stesse modalità operative utilizzate in precedenza.

Le ns. procedure consentono già di essere configurate in modo da adottare una modalità di numerazione delle fatture conforme alle modifiche introdotte e non necessitano di aggiornamenti software.

Il ns. suggerimento, quindi, è quello di sollecitare i Vs. clienti a scegliere una delle possibilità offerte da SIGLA/START seguendo le indicazioni dei propri commercialisti.
§ Riferimenti

– Risoluzione 1/E:
– Articolo di commento di FiscoOggi:

Per eventuali chiarimenti contattare direttamente il servizio di supporto tecnico.

a.innocenti@deltaphi.it

Lascia un commento

Archiviato in Economia

Iva: ecco come si compilano le nuove fatture


Tanto rumore per nulla !!!

A breve rilasceremo una nuova circolare, ma il concetto è questo….

a.innocenti@deltaphi.it

Lascia un commento

Archiviato in Economia

Supporto tecnico SIGLA: novità in materia di numerazione delle fatture


In considerazione del crescente interesse per l’argomento riteniamo opportuno fornire ulteriori precisazioni rispetto alla ns. precedente circolare del 7 c.m..

L’elemento di modifica che necessita di maggiore attenzione riguarda la numerazione delle fatture. Sulla base della nuova versione della lettera b del comma 2 dell’articolo 21 del DPR 633/72, la fattura deve indicare un “numero progressivo che la identifichi in modo univoco”.

Come già evidenziato nella ns. precedente comunicazione, esistono forti dubbi sulla corretta modalità di costruzione di questo “numero progressivo univoco”; i quesiti sono stati inoltrati all’Agenzia delle Entrate attraverso associazioni come Assosoftware e l’Associazione Nazionale Commercialisti, ma ad oggi non è ancora disponibile alcuna risposta ufficiale.

Ciò premesso, ricordiamo nuovamente che la progressività e l’univocità del numero attribuito alle fatture possono essere ottenute in due modalità alternative:
1. numerazione progressiva senza azzeramento all’inizio di ciascun anno solare;
2. numerazione progressiva con azzeramento all’inizio di ciascun anno solare (come si è sempre fatto), ma che preveda un elemento che permetta di distinguere la fattura N. 1 del 2013 dalla fattura N. 1 del 2014, nonché lo specifico sezionale IVA (se necessario).

E’ opinione largamente condivisa che questo elemento possa essere logicamente rappresentato dall’anno di emissione della fattura (es: FT 1/2013, 1/2014, ecc…). In ogni caso, su questo argomento non esiste ad oggi alcun pronunciamento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Alla luce di quanto indicato in SIGLA/START si potrebbe operare, alternativamente, come segue.

1. Adozione di una numerazione progressiva senza azzeramento all’inizio di ogni anno.

In questo caso è sufficiente impostare, nella tabella dei numeratori, il valore del numeratore delle fatture per l’anno 2013 in base al, valore dell’ultima fattura emessa nel 2012. Ad esempio nel caso in cui l’ultima fattura emessa nel 2012 sia la n. 345 sarà necessario che il numeratore sia impostato al valore 346.

2. Adozione di una numerazione progressiva che si azzera all’inizio di ogni nuovo anno, ma che preveda un elemento distintivo di ciascun anno.

2.a) La prima possibilità per seguire questa modalità operativa consiste nell’adottare la numerazione consueta con azzeramento a inizio anno ed esporre sul fincato di stampa della fattura un elemento distintivo dell’anno di emissione.
A partire dalla prossima versione, il cui rilascio è previsto per la prossima settimana, tra i campi configurabili in stampa sarà disponibile il campo corrispondente all’anno di emissione della fattura che potrà essere anteposto o postposto al numero. Oltre a tale campo sarà anche disponibile per la configurazione in stampa il codice del registro IVA.
Con le versioni attuali di SIGLA Ultimate e SIGLA Start Edition è possibile definire un campo calcolato come sottostringa della data fattura in modo da estrarre l’anno di emissione e configurare tale variabile nel fincato di stampa. Con la versione 3 invece si può solo momentaneamente inserire l’anno come etichetta fissa.

2.b) La seconda possibilità consiste nell’inserire il riferimento all’anno direttamente nel numero della fattura, sfruttando ad esempio le prime 2 cifre del campo numero per indicare l’anno (impostando, per l’anno 2013, il valore del numeratore delle fatture al valore “1300001” si emetterebbero per l’anno 2013 le fatture n. 1300001, 1300002, ecc…).

In questo momento, a causa dei dubbi sollevati dalla citata normativa, non possiamo indicare quale sia la soluzione da preferire.

Il ns. suggerimento, quindi, è quello di sollecitare i Vs. clienti a seguire le indicazioni dei propri commercialisti prima di scegliere una strada o l’altra; a questo proposito ricordiamo che il campo “numero protocollo” in SIGLA/START è di 7 cifre, quindi la numerazione che non si azzera consente di emettere al massimo 9.999.999 fatture, mentre la numerazione che utilizza i primi 2 caratteri del numero come riferimento all’anno consente di emettere al massimo 99.999 fatture all’anno.

Non appena saranno disponibili chiarimenti ufficiali da parte dell’Agenzia delle Entrate, ci attiveremo prontamente per informarVi e per eseguire gli eventuali aggiornamenti software che dovessero rendersi necessari per adeguare le ns. procedure (a questo proposito segnaliamo ad esempio l’eventuale intervento per stampare il numero comprensivo dell’anno anche sui registri IVA).

Per eventuali chiarimenti contattare direttamente il servizio di supporto tecnico.

a.innocenti@deltaphi.it

Lascia un commento

Archiviato in Economia, google

Supporto tecnico SIGLA: legge di stabilità 2013 e numerazione delle fatture


La Legge di stabilità 2013 approvata con la Legge 24 dicembre 2012 n. 228, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2012, recepisce la direttiva dell’Unione Europea n. 2010/45/UE in materia di fatturazione.

Tra le novità introdotte particolare interesse suscitano le modifiche apportate al sistema di numerazione delle fatture.

Dal 1° gennaio 2013, infatti, la lett. b) del comma 2 dell’art. 21 del DPR 633/72 precisa che la fattura deve contenere un “numero progressivo che la identifichi in modo univoco” (prima delle modifiche il comma 2 dell’art. 21 recitava “la fattura è numerata e datata in ordine progressivo per anno solare”).

La legge in oggetto però non fornisce ulteriori chiarimenti su come si debba interpretare la nuova norma. Due le possibili soluzioni, tra loro alternative:
1) numerazione progressiva senza azzeramento all’inizio di ciascun anno solare;
2) numerazione progressiva con azzeramento all’inizio di ciascun anno solare e apposizione dell’anno di emissione della fattura e di un identificativo dello specifico sezionale IVA.

Conformente a quanto indicato da Assosoftware siamo dell’avviso che la seconda soluzione sia da preferire.

«Ci stiamo occupando da diverso tempo della questione e siamo arrivati alla conclusione che la numerazione univoca “all’infinito” avrebbe impatti molto pesanti», spiega Roberto Bellini, direttore generale di Assosoftware, «per questo la nostra interpretazione è quella di interrompere la numerazione ad ogni esercizio e porre un valore-serie, come l’anno di riferimento, che individui in maniera univoca ciascuna fattura». Vedi riferimenti al seguente link.

Il nostro orientamento è, pertanto, quello di prevedere una numerazione composta dall’anno solare di emissione, dal codice del registro IVA e da un progressivo che riparta da 1 all’inizio di ciscun anno solare (es. 2013FV0000001).

Precisiamo comunque che sul punto l’associazione che rappresenta le aziende dei software gestionali e fiscali ha formulato all’Agenzia delle Entrate una richiesta di consulenza giuridica.

Prima di rilasciare aggiornamenti alle ns. procedure attendiamo quindi la risposta ufficiale dell’Agenzia con i necessari chiarimenti.

Per eventuali chiarimenti contattare direttamente il servizio di supporto tecnico.

a.innocenti@deltaphi.it

2 commenti

Archiviato in Economia, IBM, microsoft